Appello a Cateno De Luca

Speculazione edilizia e mafia. Vicenda Consorzio "Casa nostra" di Messina

Edilizia residenziale pubblica. Buco di bilancio del Comune di Messina di circa 200 mln di euro

Proposta riforma della giustizia

Riassetto Forze Armate

cliccate sulle foto sopra per leggere gli articoli principali

W L'ARMA DEI CARABINIERI

Sono Carmelo

Benvenuto

nel mio sito

Amo la vita e amo la giustizia; se, però, non potessi avere l’una e l’altra, rinuncerei alla vita pur di mantenere la giustizia.

Le Mie Battaglie

Non mi sono fermato mai davanti alle ingiustizie

Ho combattuto l'arroganza e i poteri forti

Sono stato coerente nel cercare la verità dei fatti

Mi sono formato con ideali di libertà, amicizia e trasparenza

La mia Visione

Riassetto Forze Armate

Oggetto: Riassetto delle Forze Armate e di Polizia. Proposta

Con riferimento  all’oggetto l’Europa da tempo ha già sollecitato  piu’ volte l’Italia per applicare quanto sottoscritto nel Trattato di Velsen , tra gli stati membri, del 18 ottobre 2007, trattato che, peraltro, è stato recepito con la Legge n.84/210, che all’articolo 3, in particolare,  cosi’ recita: “La Forza di Polizia europea” Eurogender” forte ed impiegabile in tempi rapidi deve essere una Polizia Militare individuata nell’Arma dei Carabinieri.

In Italia, invece, le Forze di Polizia (oltre sette) non sono coordinate nel senso che non dialogano e non comunicano tra loro, circostanza che limita  l’efficacia  e   l’efficienza della loro attività.

Come cittadino auspico fortemente che venga  creata una Forza di Polizia Militare  unica (Arma dei Carabinieri) all’interno della quale gli altri Corpi Militari e di Polizia  assorbiti manterrebbero la loro specificità con riferimento alle singole attribuzioni (TUTTI con  la “Gloriosa” divisa dell’Arma dei Carabinieri).  Una ristrutturazione in tal senso  oltre a produrre la massima efficienza nel Servizio, darebbe  anche luogo  ad un notevole  risparmio per lo Stato che potrebbe essere convogliato nella  retribuzione delle Forze dell’Ordine,  oggi assai modesta a fronte dei  compiti affidati.

Il quotidiano economico il “Sole 24 ore” del 29 aprile 2014 riferisce  cfr.- intervista a Gianni Tonelli Presidente del SAP (Sindacato Autonomo di Polizia)- che l’Italia paga all’Europa una sanzione di 179.560 euro al giorno a far data dal 16 maggio 2010 (attualmente sanzione sospesa) per non avere attuato quanto previsto dalla stessa  Legge n. 84 del 14 maggio 2010.

Ovviamente, la ristrutturazione dei Corpi militati non puo’ prescindere dall’aspetto della selezione dei “VERTICI” che dovrebbe essere effettuata dagli stessi Corpi, che indicano i “Migliori”, ferma  restando la scelta definitiva al Governo.

Tale modalità limiterebbe il Potere della Politica che, inevitabilmente, genera corruzione e privilegi .

Quanto sopra, peraltro, rientra nel dettato Costituzionale, in particolare, articolo 97 della Costituzione delle Repubblica Italiana che sostanzialmente afferma come l’attività della Pubblica Amministrazione debba essere ispirata ai criteri del buon andamento, imparzialità, economicità, trasparenza.

 Peraltro la riorganizzazione dell’Arma dei Carabinieri trova il suo supporto nel  Regio Decreto  del 13 Luglio 1814. Infatti  a Torino furono promulgate le Regie Patenti che segnarono la nascita dell’Arma dei Carabinieri. Il Decreto era costituito da 16 articoli.

Nell’articolo 6 si stabiliva che la deposizione del Carabinieri avrebbe avuto la stessa forza di quella dei Testimoni.

Nell’articolo 11 si stabiliva che i Carabinieri non potessero essere distolti dalle Autorità Civili e Militari dall’esercizio delle loro funzioni.

Nell’articolo 16 si afferma che il Corpo dei Reali Carabinieri sarebbe stato considerato nell’Armata il Primo tra gli altri, dopo la Guardia del Corpo.

Soprattutto questo ultimo punto offriva una chiara definizione dei Carabinieri come Corpo d’ Elite.

I criteri di reclutamento prevedevano -a conferma di questo aspetto- un accesso quasi esclusivo a chi avesse  prestato servizio per quattro anni in altri Corpi e sapesse leggere e scrivere (cosa non facile per quei tempi).    

Ristrutturazione.  

1-Prima Arma: Arma  dei Carabinieri con compiti anche di Polizia Militare costituita da : Militari dell’Arma dei Carabinieri, dei Corpi speciali, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria ,del Corpo Forestale dello Stato, della Polizia Provinciale, della Polizia Municipale, dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa, etc.

2-Seconda Arma: Esercito Italiano;

3-Terza Arma: Marina Militare;

4-Quarta Arma: Aeronautica Militare;

Disponibile ad   ulteriori chiarimenti, se richiesti, dalla S. V.

Auspico riscontro dal sig. Presidente del Consiglio.   

 Messina, 9   Dicembre 2015                                      

          Ing. Carmelo Cascio

Ultima puntata di Giro di boa

Terza puntata Giro di Boa, ospite Cateno De Luca

🔼 Terza puntata di #GirodiBoa su Onda TV.↔ Ospite il sindaco di #Messina Cateno De Luca che descrive la sua vita e le sue passioni.📌 In onda ogni martedì alle 21.00 su #OndaTv (canale 85), sulla pagina facebook di "Giro di boa" ed in streaming sul sito www.ondatv.it

Geplaatst door Giro di Boa op Woensdag 6 november 2019

Giro di Boa' in onda
Martedi ore 21.00, canale 85
repliche
Martedi ore 22.30, canale 618
Mercoledì ore 15.00 canale 85,
Mercoledì ore 16.30 canale 618
Venerdì ore 08.15 canale 85
Venerdì ore 19.00 canale 618
sabato ore 09.15 canale 618
Domenica ore 18.00 canale 85

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial